Accordo Celivo-Teatro Nazionale

Nonostante le misure per contrastare la diffusione del Covid_19 abbiano portato a chiudere al pubblico gli spettacoli, molte istituzioni culturali sono al lavoro per sviluppare nuovi network e progetti. È così che Celivo (celivo.it) e Teatro Nazionale di Genova (teatronazionalegenova.it) annunciano la firma di un accordo di collaborazione per promuovere reciprocamente presso i cittadini i valori della cultura e della promozione della cittadinanza attiva. Già dal 2019 Celivo e Teatro Nazionale di Genova realizzano iniziative congiunte, quali l’esposizione di materiale promozionale del volontariato in luoghi di particolare affluenza nel Teatro e la divulgazione presso le associazioni degli spettacoli in palinsesto, con possibilità di accesso agevolato. La firma dell’accordo, quindi, ufficializza e consolida il rapporto tra i due enti, che si impegnano a valorizzare reciprocamente il lavoro svolto, nonché a dare continuità e nuovo impulso alle iniziative congiunte.
Il Teatro Nazionale di Genova riconosce il valore dell’opera degli Enti di terzo settore sul territorio, offrendo la partecipazione agli eventi culturali, anche attraverso una “social card” che prevede una riduzione del 30% del biglietto su tutti gli spettacoli della stagione teatrale. Inoltre, per alcuni spettacoli, il Teatro offrirà dei biglietti gratuiti per volontari e utenti degli ETS.
Il Centro di Servizio per il Volontariato si impegna a riconoscere e promuovere il valore delle iniziative culturali come accrescimento personale e come elemento fondamentale della comunità, nonché a fornire i supporti informativi e di sensibilizzazione sui temi della solidarietà da esporre e distribuire presso le sedi del Teatro. Lo staff del Celivo si occuperà anche della distribuzione della “social card” e dei biglietti omaggio ai volontari e agli utenti delle Organizzazioni di Volontariato e di Terzo Settore.
«Siamo particolarmente felici di portare avanti la collaborazione con il Celivo, che si è creata all’indomani del crollo del Ponte Morandi, uno dei momenti più dolorosi nella storia della città di Genova», commenta Davide Livermore, Direttore del Teatro Nazionale di Genova. «Non c’è solidarietà senza cultura e non c’è cultura senza solidarietà. Un assioma di cui siamo convinti da sempre e a maggior ragione a fronte della situazione che la nostra società si trova ad affrontare oggi».