Nuova vita per gli abiti usati con H&M


Svezia, 1947. Questo è l'anno in cui Erling Persson dà vita al negozio, conosciuto oggi da tutti con il nome di H&M. Chiamato ai suoi esordi Hennes e rivolto solo a un pubblico femminile, il marchio si è diffuso a livello mondiale nel corso degli anni. Nel mondo della moda ha conquistato un posto di preminenza, diventato uno dei più importanti colossi.
Da sempre interessato a offrire prodotti di qualità a prezzi contenuti, H&M mostra un costante interesse per la sostenibilità ambientale e sociale. Progetti, iniziative e campagne lo dimostrano. L'azienda dà vita nel 2013 a una linea realizzata solo con cotone biologico -H&M Conscious – e un importante progetto destinato alla raccolta di abiti usati.
Questo impegno, lanciato a livello mondiale, è stato rinnovato per questo 2017, attraverso un video diretto da Crystal Moselle. Le riprese sono state realizzate per introdurre la campagna mondiale che debutterà sul sito dell'azienda (www.hm.com) il 26 gennaio. “Bring it- Portali da noi” è il titolo scelto per l'iniziativa nata con la volontà di dare una nuova vita agli abiti usati ricorrendo alla raccolta e al riciclo. Tutti i clienti potranno portare i loro capi, ormai relegati nei loro armadi, e consegnarli presso i negozi H&M. L'obiettivo è quello di aumentare sempre di più la quantità di indumenti raccolti.
Attraverso questo video, il brand mostra come la vita di ogni indumento possa essere allungata. Con questa iniziativa, H&M desidera raggiungere 25.000 tonnellate di capi raccolti ogni anno fino al 2020.
Di seguito il link per poterlo vedere il filmato: https://www.youtube.com/watch?v=7i4JSzB8VlU

Virginia Grozio