Festival della sviluppo sostenibile


“Mettiamo mano al nostro futuro” è il motivo della terza edizione che si svolge in tutt’Italia dal 21 maggio al 6 giugno. Diciassette obiettivi, 17 i giorni in cui Genova diventerà un palcoscenico di eventi.
Il Festival dello Sviluppo Sostenibile sta per iniziare: decine di persone, organizzazioni, aziende, istituzioni, si preparano a celebrare la più estesa iniziativa italiana focalizzata sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L’obiettivo è sensibilizzare sulla cultura della sostenibilità e coinvolgere ogni cittadino nel cambiamento culturale e politico che consenta al nostro paese di centrare i 17 global goals, gli obiettivi di sviluppo globale. I global goals sono universali: sconfiggere la povertà, sconfiggere la fame, assicurare la salute e il benessere, assicurare un’istruzione di qualità equa e inclusiva, raggiungere l’uguaglianza di genere, garantire la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie, garantire energia pulita e accessibile, lavoro e crescita economica, promuovere impresa e innovazione, ridurre le disuguaglianze, realizzare città sostenibili, effettuare un consumo responsabile, impegnarsi contro il cambiamento climatico a favore della vita sotto l’acqua e sulla terra, promuovere la pace e la giustizia, realizzare partenariati mondiali per lo sviluppo sostenibile. In Italia il Festival è promosso da ASviS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile. Ogni regione italiana è coinvolta con un’azione “a cascata” sul proprio territorio. La Liguria c’è: un panel composto da associazioni, imprese e istituzioni è pronto per offrire un programma dedicato a tutte le età e interessi fatto di convegni, seminari, mostre, spettacoli cinematografici, gite, ecc.