Dialogo nel Buio

 

Un viaggio, un percorso. E il buio da sfondo. Questo è “Dialogo nel buio”, una mostra sensoriale ospitata a Genova, sulla chiatta ormeggiata presso la Darsena, collocata di fronte al Galata Museo del mare. La mancanza di luce accompagna i visitatori in questo percorso sensoriale che trasforma i gesti quotidiani in un’esperienza inedita.

Guide non vedenti fanno strada ai visitatori, divisi in piccoli gruppi, in ambienti avvolti dal buio. Qui, in completa sicurezza, vengono simulate situazioni reali della vita di tutti i giorni. Questo per avvicinare gli spettatori a un altro modo di vedere, dove l’olfatto, l’udito, il gusto e il tatto fanno da protagonisti. L’oscurità diventa così un strumento di crescita, per scoprire una nuova dimensione e percepire la realtà da nuovi punti di vista.

Il percorso è articolato in diverse riproduzioni che richiamano ambienti di vita quotidiana. Un’esperienza affascinante che permette ai visitatori di rendersi conto di quanto i sensi, in assenza di luce, vengono amplificati. La percezione non visiva appartenente alla cultura della cecità viene così condivisa. “La cittadinanza ha risposto con entusiasmo al percorso. I visitatori, malgrado una iniziale titubanza, determinata dal buio in cui si apprestano a calarsi, si dimostrano sempre soddisfati e arricchiti alla fine della mostra”, afferma Serena Tamburini, coordinatrice del percorso.

Rivolti a grandi e piccini, vengono organizzati anche eventi, laboratori per bambini, aperitivi a tema, l’ultimo giovedì di ogni mese, e degustazioni. Dialogo nel buio, nato a partire dal 2011 fa parte del progetto internazionale, Dialogue in the dark ed è promosso da David Chiossone Onlus, centro noto a livello nazionale per l'handicap visivo, in partner con, Costa Edutainement, Cooperativa Solidarietà lavoro ed Erg.

 

Virginia Grozio