L'innovazione digitale sanitaria


L’importante trasformazione in atto generata dalle tecnologie digitali è ormai più che evidente; gli investimenti in tecnologia generano accelerazioni straordinarie e creano opportunità di cambiamento nelle Organizzazioni e nei servizi che esse offrono al pubblico, apportando maggiore efficienza e risparmi di tempo e risorse.
In questa fase evolutiva la Sanità dovrebbe essere uno dei settori maggiormente coinvolto nel cambiamento grazie all’introduzione delle tecnologie digitali: se da una parte, infatti, la crescente richiesta di servizi e l'innalzamento della vita media hanno portato a un aumento significativo dei costi, dall’altra l’esigenza di abbattere gli stessi ha portato a tagli di spesa talvolta incondizionati o comunque raramente efficaci.
E’ da questo punto fermo che e' iniziato un percorso importante di condivisione delle idee al fine di realizzare concretamente un progetto dedicato in primis alla Regione Liguria quale soggetto di governo e di programmazione della sanità pubblica, con un format esportabile in altri contesti territoriali nazionale.
Per individuare le idee che potrebbero rivelarsi le più valide da presentare al settore sanitario e avviare finalmente un percorso strutturato di trasformazione digitale, SoftJam (www.softjam.it), Microsoft Italia e Mixura hanno organizzato una Call4ideas, ossia una “chiamata per condividere idee”, in prima battuta da sviluppare a livello ligure, facendo convergere menti diverse, provenienti dai settori sanitario, tecnologico, universitario.
"Da qualche anno – spiega Andrea Pescino, Amministratore Delegato di Softjam - stiamo assistendo a una trasformazione del mercato senza precedenti, guidata da un'evoluzione esplosiva della tecnologia digitale che accelera sempre più. In questo contesto abbiamo raccolto molte esigenze e volontà di cambiamento da parte degli operatori della sanità, esigenze purtroppo difficili da soddisfare in un settore che soffre di una storica difficoltà verso gli investimenti, specie quelli innovativi nell’ambito digitale. Con questa giornata pensiamo di dare un nostro contributo, creare idee e spunti che, speriamo, possano nel prossimo futuro portare valore a tutti."
Il Cisef Gaslini, luogo di incontro della giornata, è diventato il crocevia di qualificati testimoni, esperti, ricercatori, imprenditori, medici, individuati per competenze decisionali e rappresentanza professionale, sensibilizzati alla creazione di idee progettuali innovative perché abbiamo sì la certezza delle tecnologie digitali disponibili, ma “la genialità è il pensare improvviso a una cosa ovvia a cui nessuno pensa”.
Daniela Congiu - Presidente di Mixura – interviene: “La nostra sanità sta vivendo un periodo che dobbiamo guardare come opportunità per lo sviluppo di percorsi di formazione innovativi. Il contesto mostra nel contempo l’emorragia di medici specialisti - tra pensionamenti, accessi al corso di laurea e alle scuole di specializzazione abbiamo una perdita di due medici al giorno - e la necessità di mantenere costanti i processi di aggiornamento e autoformazione. A fronte di queste esigenze vogliamo in questa giornata di progettazione condivisa individuare idee e proposte per costruire percorsi formativi che valorizzino le possibilità che la tecnologia digitale può offrire andando verso soluzioni stimolanti che superino alcune barriere culturali oggi ancora diffuse”.
Fabio Santini, Direttore divisione sviluppo e innovazione Microsoft, completa: “Stiamo vivendo un momento straordinario di trasformazione guidata dalla tecnologia, dalla sua evoluzione e dal suo impatto sul nostro modo di vivere e relazionarci. Microsoft cerca di abilitare ogni persona e ogni organizzazione grazie all’innovazione che porta. Crediamo che la Sanità sia un settore con un enorme necessità di trasformazione e siamo felici di partecipare a iniziative come questa che possano aiutare un settore così importante nella vita di tutti noi”.
A conclusione dei lavori, è stato presentato il manifesto della sanità digitale in Liguria che sarà presentato alla Regione Liguria e divulgato  in altri contesti italiani per favorire sia la scalabilità delle idee progettuali sia la possibilità di replicare il format in altre regioni. Sono già previsti due incontri, il primo in ordine temporale a Roma presso il Ministero della Salute e il secondo all’ottava Leopolda di Firenze.