Ci vuole un fiore: un nido per crescere


Per questo 2017 il nido aziendale La Trottola realizza un progetto per dare vita a una vera e propria “aula” verde. Per sostenere quest'iniziativa, il nido partecipa al bando istituito da Aviva Community Fund, realtà impegnata nel sostengo delle organizzazioni non profit alle quali offre un aiuto concreto allo scopo di realizzare progetti e idee ottimali su tutto il territorio italiano. La Trottola, situata presso l'azienda ospedaliera di San. Martino di Genova, vuole creare un laboratorio all'interno del suo giardino. “Ci vuole un fiore: il verde per crescere” è il nome scelto per questo progetto. Questo giardino, collocato nel nido situato in una delle realtà ospedaliere più ampie di Europa, nasce per valorizzare il patrimonio di una cultura pedagogica, finalizzata all'educazione ambientale fin da primi anni di età. Definire uno spazio naturale, realizzare un'aula all'aperto sono gli obiettivi che si pone il progetto. Lo scopo è quello di offrire ai bambini la possibilità di entrare in contatto diretto con la natura, apprendendone i suoi ritmi. I più piccoli possono così iniziare un vero e proprio percorso di consapevolezza verso una coscienza ecologica che insegnerà loro alcuni concetti fondamentali dell'ecosistema. Il ciclo biologico della vita animale e vegetale, la conoscenza delle risorse naturali che alimentano la vita sulla terra, il concetto del riciclo e della catena alimentare, sono soltanto alcuni degli aspetti che verranno illustrati ai bambini. I canali sollecitati saranno sensoriali, motori e cognitivi. L’introduzione ad attività di orientamento agro-sostenibile ed il rispetto dell’ambiente in una prospettiva ecologica, verranno presentati in un’ottica educativa, quasi a creare un laboratorio nel laboratorio: all’interno di questo progetto sarà possibile prevedere l’utilizzo di materiale riciclato, soprattutto recipienti grandi per spazi esterni adatti ad ortaggi e fiori. La proposta quindi si può leggere in una chiave di educazione ambientale. Elemento di interesse peculiare sarà la realizzazione di un orto biologico, un piccolo spazio ortivo curato dalle educatrici nella stagione favorevole che verrà attrezzato con piccoli ortaggi e con le tipiche piante aromatiche liguri.

Virginia Grozio