Più tutele e diritti per i consumatori

 

La fatidica data è giunta: il 13 giugno, entrano in vigore le nuove  norme sui contratti di vendita e di servizi. Le principali novità riguardano quelli conclusi online o a distanza: aumentano informazione e trasparenza per il consumatore e ci sono maggiori tutele contro le  pratiche aggressive e sleali.

Di seguito le principali novità introdotte dal D.lgs. 21 febbraio 2014 , n. 21 Attuazione della direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori.

PER QUANTO RIGUARDA I CONTRATTI CONCLUSI NEI LOCALI COMMERCIALI:
* CONSEGNE IN TEMPI CERTI (termine pattuito o entro 30 giorni).
* Nessun costo supplementare per l'utilizzo di mezzi di pagamento.
* Nei contratti che pongono a carico del professionista l'obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si  trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest'ultimo entra materialmente in possesso dei beni (attenzione: solamente se il corriere viene scelto dal venditore!).
* Il consumatore è esonerato dall'obbligo di fornire qualsiasi prestazione corrispettiva in caso di fornitura non richiesta di beni, acqua, gas, elettricità, teleriscaldamento o contenuto digitale o di prestazione non richiesta di servizi
* Qualora il professionista utilizzi una linea telefonica allo scopo di  essere contattato dal consumatore per telefono in merito al contratto concluso, il consumatore non è tenuto a pagare più della tariffa di  base.

PER I CONTRATTI CONCLUSI FUORI DEI LOCALI COMMERCIALI E A DISTANZA:
*Nei contratti a distanza conclusi al telefono il consumatore è vincolato solo dopo aver firmato l'offerta o dopo averla accettata per iscritto, anche con firma elettronica (quindi non è più sufficiente il consenso vocale!).
* Il termine per esercitare il diritto di recesso si allunga a 14  giorni e decorre, nel caso di acquisto di beni, dal giorno in cui il  consumatore ne acquisisce il possesso fisico.
* Per esercitare il recesso è sufficiente una qualsiasi dichiarazione esplicita, non è più condizione imprescindibile l'invio della raccomandata a.r.; consigliamo comunque di utilizzare solo forme che  costituiscano prova documentale dell'avvenuto recesso quali fax o e-mail o ancora la raccomandata a.r.
* Rimborsi più veloci, entro 14 giorni, in caso di recesso.
* Per qualsiasi costo supplementare oltre a quello della prestazione principale è necessario il consenso espresso del consumatore. Non  valgono le caselle preflaggate e in generale format precompilati.
* I contratti collegati sono risolti di diritto in caso di esercizio del recesso.
* Prezzi trasparenti e comprensivi di ogni voce
* In caso di acquisti on-line il consumatore deve essere avvisato chiaramente che al momento del click sorge per lui un vincolo contrattuale.

Queste sono alcune delle principali novità introdotte dalle nuove disposizioni legislative.

Chi fosse interessato a saperne di più, può trovare preziose informazioni sul sito del Movimento difesa del Cittadino www.difesadelcittadino.it o rivolgersi all’MDC di Genova e Liguria, Via Caffa 3/5 sc. B - 16129 Genova - Tel/fax 010/3623036 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .