Corriere Mercantile, 7 mesi di silenzio


Da quando ha interrotto le pubblicazioni, nonostante le moltleplici dichiarazioni di solidarietà, non è accaduto nulla. L'Associazione Ligure Giornalisti non si arrende.
Sette mesi di silenzio. Sono quelli passati da quando, il 27 luglio 2015, con l'uscita dell'ultimo numero, il Corriere Mercantile-Gazzetta del Lunedì di Genova ha interrotto le pubblicazioni. Dopo tante dichiarazioni di solidarietà, rammarico e stupore per l'uscita di scena di una delle testate più antiche d'Italia, per la chiusura di un'altra azienda genovese e, nel panorama nazionale, di un'altra realtà editoriale - cooperativa di giornalisti e poligrafici - non è accaduto nulla. Nessun imprenditore si è fatto avanti con un'offerta - anche solo ipotetica - per l'acquisizione delle testate, né si è avuta notizia di alcuna iniziativa delle istituzioni locali per provare a sollecitare qualche slancio imprenditoriale. Sappiamo bene che l'editoria è un settore quanto mai fragile in questo momento, tanto più se la sfida è quella di far rinascere un giornale che non è più in edicola, ma speravamo che qualcuno avesse il coraggio o la follia di immaginare almeno una proposta. E, invece, accanto ai giornalisti del Corriere Mercantile sono rimasti solo l'Associazione Ligure dei Giornalisti, che ha sostenuto e tutelato fin dall'inizio i lavoratori, e i lettori che ancora segnalano il vuoto lasciato da quel giornale. Proprio per questo non vogliamo arrenderci al silenzio, e vogliamo ancora sperare che, a Genova o altrove, ci sia qualcuno disposto a rischiare qualcosa per riportare in edicola il Corriere Mercantile.

Associazione Ligure dei Giornalisti